domenica 25 gennaio 2009

JE' NATA 'NA STIDDA di Lucia Campisi

la poetessa Lucia Campisi
JE' NATA 'NA STIDDA
Ringraziu Diu,
ccu tuttu 'u me' cori,
picchì vivu jorna filici
propriu comu chiddi
ca "Iddu" runa e' Santi,
accussì sulu,
pozzu riri,
ri aviri gudutu
'i gioii cchiù priziusi
'ra vita.
I lacrimi,
linianu
'a faccia mia
ma sunu lacrimi
ri preju,
ri cuntintizza.
A casa mia,
pari nu jardinu 'ncantatu,
chinu di ciuri janchi e rosa
rintrona ri musica,
ri canti e risati,
picch' m'à nasciutu
'na "stidda".
Jè 'na niputedda,
bedda quantu 'u suli
'na cosa rara e spiciali,
'nu beni priziusu,
mannatu do' Signuri.
Jè 'n angilu,
biunnu e ricciutu,
'nu faguttinu rosa,
'nta so' naca,
fatta di veli e pizzi priziusi.
Mi talia sempri,
quannu m'avvicinu
ccu l'ucchiuzzi so' lucenti
pari ca mi rici:
nanna, nanna mia,
pigghimi ccu tia,
stringimi 'nte to' vrazza
fotti, fotti,
cantami
'a ninna nanna,
cca to' vuci,
aruci, aruci
fammi addummisciri
supra 'u to' pettu amurusu.
Lucia Campisi

1 commento:

Pippo La Delfa ha detto...

Lucia Campisi , poetessa siracusana in lingua e in vernacolo. recentemente iscritta all'Associazione Poeti e Scrittori Dialettali d'Italia e all'Anteas di SIRACUSA. Ha scoperto per caso la sua vena poetica, complice un pigmalione scopritore di talenti. Presto leggeremo numerose sue liriche, ricche di sentimento e di amore viscerale verso il prossimo.

GIUSEPPE LA DELFA