venerdì 18 giugno 2010

ORTIGIA MIA di Neli Seguino

(via Dione - Ortigia SR)
ORTIGIA MIA
Passatu è 'n annu e m'hanu parsu centu
ca nun ti virevu cchiù Ortigia mia!
vacanti lu me' pettu ancora sentu
pirchì lu cori lu lassai a tia.
Ora ca sugnu ccà ccu tantu amuri
mi vogghiu dedicari tuttu a tia
vogghiu passari in paci tutti l'uri
di la matina 'nzinu l'Avimaria.
Vogghiu sustari spissu a la Marina
sentìri li canzuni di lu mari
e dill'aciduzzi musica divina.
Quannu ripartu e vadu a la stranìa
lu cori miu ti vogghiu ridunari
pirchì ti amu Sarausa mia!
Ti amu fertili terra ginirusa
ca chianciri mi fai di nustalgia;
ti penzu sempri amata Sarausa
e soffru tantu di malincunia.
Isula ca m'ha datu li natali
m'attiri comu fussi calamita
la luntananza mi fa tantu mali
ca mi turmenta l'esistenza a vita.
Terra mia tuttu amuri e puisia
ogni criatura tò ti devi amari
ccu tuttu 'u cori 'nzinu a' fuddìa.
Ciuri ca ssì sbucciatu 'ntra lu mari
lu focu ca mi cuva 'nta lu pettu
è tantu ardenti ca nun si pò stutari.

Neli Seguino

Ho conosciuto Neli Seguino nel 1976. Presentatomi da un amico, venne ospite in un mio programma radiofonico a Radio IN, stupì tutti per la bravura nel porgere le poesie, ricordo che dovettimo chiudere le linee telefoniche per poter continuare il programma, e gli ascoltatori numerosi vennero in Radio per poter conoscere quella voce.
Neli Seguino, siracusano della via Maestranza - come sottolineava lui - è stato uno dei migliori attori siracusani del secolo scorso, viveva a Roma e ogni anno le ferie le passava nell'amata Siracusa, lo aspettavano gli ascoltatori e quando l'annunciavo i telefoni, come si suol dire, bollivano!
Recitava con disinvoltura in dialetto siciliano, napoletano e romano; i suoi pezzi forti LA LIVELLA di Totò, IL COMBATTIMENTO DI ORLANDO E RINALDO di Nino Martoglio e la ciliegina sulla torta ER FATTACCIO di A. Giuliani.
Tra una scenetta, una poesia e un bel sigaro ultraottantenne è uscito di scena lasciandoci il suo sorriso.
armando

CCA' SUGNU NATU di Angelo Rullini

video

CCA' SUGNU NATU versi di Angelo Rullini letti da Armando Carruba.

Realizzazione videoclip Gino Cataudo

QUANNU JU MORU VENNICI A SCHISO' di Santo Calì


Quannu ju muru venicci a Schisò
'nta 'na notti d'austu comu a chista
cu li schigghi suspisi di l'ojetta
e la luna ca perciunu lu cori.
Lu mari arriva da luntanu e chianci
repiti longhi d'amanti ammucciati
sutta linzola d'alichi di sita,
e mentri lu scutamu, ahiai lu pedi
s'affunna 'nta la rina e nun putemu
cchiù fujri, e ppi chistu n'abbrazzamu
ni stringemu, 'mpazzuti, ni 'mpicamu
stanchi ni pircantamu 'nta la rina
a scutari li stori di lu mari,
e lampari ca scociunu tunnina.
Quannu ju moru venicci a Schisò
'nta na notti d'austu comu a chista
jisa la canna e attizzaci 'nta l'occhiu
la vita a lu palamidu firutu
ca sbattulia supra la ribba giarna
di coculi fra mari terra e celu
e ribugghi di sangu la scumazza
e lampari ca scociunu tunnina.
Quannu ju moru venicci a Schisò
'nta na notti d'austu comu a chista,
a chianciri lui chiantu di li stiddi
ca tùmmanu 'nta l'acqua spirlucenti
'ncristata di pinzeri allaricannusi
sinu a lu celu a tacca d'ogghiu bonu
e lampari ca scociunu tunnina
ma dintra a l'occhi toi cilestri e funni
li stiddi su' mimoria di la vita.
Quannu ju moru venicci a Schisò
'nta na notti d'austu comu a chista
a sparmari li trizzi sutta 'n ramu
di callippisu a sentiri la vuci
nostra ca mpidugghiata 'nta li fogghi
tessi fulinii spani di silenziu
ca si sciogghi a riciatu di gricali,
e lampari ca scociunu tunnina.
Quannu ju moru venicci a Schisò
'nta na notti d'austu comu a chista
o venici di jornu, o Jajita Azzola,
a sunari la brogna 'nta la vampa
di lu suli a miriju: ricogghi tutti
li pisci di lu mari pi cuntaricci
'ntra na risata e nautra, la storia
di ddu pazzi d'amanti, ca na notti
a riba di lu mari di Schisò,
abbrazzatu ccu tia, o Jàjita Azzola
cuntava stiddi e peni, peni e stiddi.
Santo Calì

Comu si maritaru Jachinu u vruccularu e Betta Arripizzatu di nobili casatu - di Federico Vaccaro

video

'U TRAMUNTU SARAUSANU di Giuseppe Barbagallo

video

'U TRAMUNTU SARAUSANU

Quannu tramunta 'u suli
a la marina
e ri russu
si culura l'unna,
'nta 'st'unna tremula,
'nta 'st'unna ca camina
c'è 'na varcuzza
ca pari c'affunna.

'Na nuvula
si cancia ri culuri,
'ntò molu
cu 'na canna 'n piscaturi,
'nt'o celu
'na niura filagna
ri passariddhuzzi
ca tornunu 'ra campagna.

'Nu scogghiu
ca si lassa accarizzari,
ri l'unniceddha
ri 'stu beddhu mari.

'Stu quatru
'u fici Diu, cu la so' manu
e lu chiamò:
tramuntu... però sarausanu!

Giuseppe BARBAGALLO

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

venerdì 11 giugno 2010

MUSEO FLORIDIA



(cliccare sull'immagine per ingrandirla)

giovedì 10 giugno 2010

LIDO PLAYA - Unni si lavavanu ì scecchi - (da I RAGAZZI DEL MOLO S. ANTONIO di Armando Carruba)

Spazio dove negli anni '50 c'era il Lido Playa.

LIDO PLAYA
Alla Marina c'era un casotto in legno vicino al mare; era la biglietteria per prendere i vaporetti che portavano al Lido Azzurro o al Lido Fazzina, meglio conosciuto come 'a Playa; in seguito fu soppresso il servizio per il Lido Fazzina e finchè durò rimase quello che dalla Marina attraversando il porto giungeva alla sponda opposta, il Lido Azzurro.
Il costo del biglietto negli anni '57/58 era di 35 lire per una sola corsa e 60 lire andata e ritorno.
I ragazzini delle Carcare, Pantheon, Puzzu 'ngignieri e dintorni, per raggiungere 'a Playa raramente utilizzavano il famoso vaporetto; i più grandicelli prendevano in prestito la bicicletta di famiglia, l'automobile la possedeva soltanto l'elite siracusana, e portando un compagno di giochi sulla canna e l'altro sul portabagagli, raggiungevano pian pianino la spiaggia.
Il mezzo più comune per tutti, era quello di cavalcare le scarpe, poichè facilmente si sarebbe potuto ottenere un passaggio, data l'assidua presenza in strada di carretti trainati da cavalli da tiro che prendevano la merce al mercato ortofruttifero all'ingrosso ('a dugana),
I carrettieri erano ben disponibili a far salire i ragazzini e, spinti da quest'ultimi, il più delle volte ingaggiavano con qualche collega una simpatica corsa, colorita da frasi dialletali di sfottò.
Il Lido Playa era la spiaggia dei poveri perchè spesso si potevano incontrare in acqua persone ed animali da soma, ed è per questo motivo che questo luogo ancora oggi viene ricordato unni si lavavunu ì schecchi.
Su quella sabbia intere famiglie si stendevano fin dalle prime ore del giorno, costruendo capanne con le canne e vecchi teloni, i ragazzini sempre a correre, ad attendere l'arrivo ddo' papurinu per poi fare un tuffo da sopra, a giocare a palla o a rimuovere a mare la sabbia cercando conchiglie.
Chi non sapeva nuotare si forniva di una vecchia camera d'aria rattoppata, e all'ora di tornarsene a casa, di corsa a lavarsi con il sapone nelle fredde acque del fiume.
Oggi abbiamo altri lidi, abbandoniamo la città, le usanze, le tradizioni; il Lido Azzurro (unni abballavanu ì pulici) e la Playa (unni si lavavunu ì scecchi) non esistono più, questo lido non è più la spiaggia di un tempo, sepolta da una fitta vegetazione spontanea di cardi spinosi e rovi pungenti.
Un cartello informa in quattro lingue che non si può fare il bagno, la sabbia non la si vede quasi più e quella che c'è è popolata da ogni tipo d'insetto.
Di questa spiaggia rimane solo il ricordo di una fanciullezza riposta nel cuore di chi l'ha vissuta, dove nessun vento la potrà mai portare via.
Armando Carruba

'A SIGNURINA

'A SIGNURINA
Negli anni 30/50, una meravigliosa imbarcazione di colore bianco, collegava direttamente Siracusa a Malta ogni giorno. Ed ogni giorno, i visitatori, fossero molti o fossero pochi, venivano prelevati alla Stazione Marittima ma un minibus che poi li portava a pranzo.
Questa imbarcazione, si chiamava MISTER MISTER, poi affondò e fu
ribattezzata STAR OF MALTA ed infine CAVALIERE DI MALTA, ma era comunemente conosciuta come 'A SIGNURINA, proprio per quel bianco candido che ne caratterizzava lo scavo.