giovedì 31 gennaio 2008

PROVERBIO DEL GIORNO 31 gennaio 2008


Augùrii senza cannistru, su' comu calamaru senza 'nchiostru
Auguri senza canestro, son come calamaio senza inchiostro

31 gennaio 2008 - S. Ignazio
accadde il 31 gennaio 1876 - Gli Stati Uniti ordinarono a tutti i Nativi Americani di trasferirsi nella riserva.

martedì 29 gennaio 2008

POETI CENACOLO ANTEAS - Anita Popolo Lentini

PATRI DI LA ME' VITA
Sentu rintra di mia
comu na vuci antica
sentu 'a ninna nanna
e poi lu nomu, Anita!?!
Si turnatu ancora
patri dda' me' vita?
vulissutu jucari ccu mia
comu na vota?
La vita passa lesta
lu munnu s'arrivota,
li patri sunu figghi,
mai s'arresta 'a rota.
Vurria putirti dari
lu zucchiru filatu
viririti filici
aviriti o' me' latu.
Sulu rucizzi e tanti,
vurria putirti dari
prutiggiriti e amari
... po' cuntu pariggiari.
Anita Popolo Lentini

PADRE DELLA MIA VITA - Sento dentro di me/ come una voce conosciuta/ sento la ninna nanna/ e poi il mio nome, Anita!?!/ Sei tu tornata a vita (di nuovo)/ padre della mia vita?/ vorresti giocare con me/ come una volta?/ La vita passa in fretta,/ il mondo si sovverte/ i padri diventano figli/ non si fermerà mai "questa" ruota/ Vorrei poterti offrire/ lo zucchero filato/ vederti felice/ e averti ancora al mio fianco/ Solo dolcezze, e tante/ vorrei poterti dare/ proteggerti e amare/... per pareggiare i conti.

anteaspoesie@yahoo.it

PINSERI RI CUNTADINU di Letterio Cafeo

Oh terra mia! (rici u' cuntadinu)
quannu mi movu e i supra ti caminu
sugnu filici, si chistu è ristinu
travagghiu, ma di gioia sugnu chinu.
Terra! Iù ti succhiu e ti siminu,
mentri ti zappu tutta ti riminu,
sentu la to' friscura assai vicinu,
quannu su' stancu e suru a capu chinu.
Passai la me' vita a travagghiari,
cottu ro' suli e i caddi 'nta li mani
sempri cuntentu, senza mai pinsari
(comu cu' rici) "chi vita di cani!"
terra, terra mia! Tu mi fai campari,
iù ri dugnu 'u cori! Tu mi runi 'u pani.

Letterio Cafeo

lunedì 28 gennaio 2008

I CONSIGLI DELLA NONNA - avere un sorriso bianchissimo...

Un sorriso può essere l'arma migliore della seduzione, ma solo a patto che la dentatura sia sempre bianca e lucente. I denti saranno sempre bianchissimi se strofinati, di tanto in tanto, con foglie di spinaci crudi, in alternativa; si può utilizzare un pizzico di bicarbonato su uno spazzolino inumidito.

per contattarci: anteaspoesie@yahoo.it

ACCADDE il 28 gennaio 1986

Lo Space Shuttle Challenger esplode subito dopo il decollo, uccidendo tutti e sette gli astronauti a bordo.

PROVERBIO DEL GIORNO

'U salutu è lassatu di Diu. Salutari è curtisia... Puru chista è famigghia!

Il saluto è lasciato da Dio. Salutare è cortesia ... Pure questo è famiglia

domenica 27 gennaio 2008

Strofa popolare milazzese




MILAZZU, LU CIURI
Milazzu, dà Sicilia si' lu ciuri,
pi tutti i furisteri si' 'na rosa;
ppi mia ha statu sempri lu splinduri
e di lu munnu la cchiù bedda cosa!
MILAZZO, IL FIORE - Milazzo, della Sicilia sei il fiore,/ per tutti i forestieri sei una rosa;/ per me sei stata sempre uno splendore/ e del mondo la più bella cosa.

PROVERBIO DEL GIORNO


Aviri 'a utti china e a mugghieri 'mbriaca.
Avere la botte piena e la moglie ubriaca (praticamente pretendere troppo).
per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

I CONSIGLI DELLA NONNA - pulire e far brillare la vasca da bagno!

Per avere una vasca da bagno sempre lucida e splendente, occorre trattarla come ... un'automobile.
Proprio così, spalmato infatti un velo di cera per automobili sulla superficie, basterà lasciar agire, per qualche minuto, strofinare poi con un panno pulito e tornerà come nuova.
Conserverà la sua brillantezza molto a lungo, soprattutto se si ha l'accortezza di sciacquarla con cura ogni volta che la utilizziamo.

ACCADDE il 27 gennaio 1880

Thomas Edison presenta la richesta di brevetto per la lampadina ad incandiscenza.

per contattarci: anteaspoesie@yahoo.it

sabato 26 gennaio 2008

A LUCIA di Rosalba Randone

video

La poetessa Rosalba Randone presenta la sua poesia A LUCIA presso la libreria Aglieco di Via Piave a Siracusa.

Ripresa di Gino Cataudo.

per contattarci: anteaspoesie@yahoo.it

PROVERBIO DEL GIORNO


Ogni ficateddu di musca è sustanza.
Ogni piccola cosa (fegato di mosca) è importante (apporta comunque calorie)
per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

ACCADDE il 26 gennaio 1994

A Sydney un uomo esplode due colpi a salve contro Carlo, principe di Galles.

venerdì 25 gennaio 2008

ACCADDE IL 25 GENNAIO ...



25 gennaio 1956
Muore Totò Barresi pioniere dello sport siciliano. E' stato stroncato da un collasso cardiaco. Aveva 59 anni.
25 gennaio 1963
Il presidente del Consiglio Fanfani annuncia che in Italia verranno installati, così come in altri Paesi della Nato, i missili americani Polaris.
25 gennaio 1965
La Gran Bretagna in lutto.: è morto Winston Churcill il più grande statista del XX secolo. Interpretò la coscienza degli uomini liberi in un momento drammatico per l'umanità. Era stato colpito da trombosi cerebrale. Aveva compiuto da poco novant'anni.
25 gennaio 1969
Nuovo impulso all'industria ragusana: l'Eni investe oltre 10 miliardi per il potenziamento dell'Abcd.
25 gennaio 1989
Pippo Baudo è tornato alla RAI; la sua collaborazione con Canale 5 è durata un anno.
E per finire 25 gennaio 1858
La marcia nuziale di Felix Mendelssohn diventa una popolare musica di matrimonio dopo essere stata suonata in questo giorno alle nozze della figlia della regina Vittoria del Regno Unito.

PROVERBIO DEL GIORNO

A pignata 'n comuni nun vugghi mai

La pentola in società non bolle mai (Se si fa qualcosa in tanti, non si conclude niente)

giovedì 24 gennaio 2008

PROVERBIO DEL GIORNO

(Lucertola in pietra a Palazzo Vermexio, come firma dell'architetto Vermexio detto il lucertolone che progettò il palazzo. Cliccare sull'immagine per ingrandirla - foto di Gino Cataudo)

Unni c'è scritto, leggiri si voli
Dove c'è scritto si vuole leggere

ACCADDE il 24 gennaio. . .


MARTEDI' 24 gennaio 1956
De Nicola eletto presidente della Corte Costituzionale.
Muore a Reggio Calabria il famoso brigante Giuseppe Musolino. Aveva ottant'anni ed era ormai pazzo.
VENERDI' 24 gennaio 1975
Rapito ad Acireale un bambino di nove anni Luciano Privitera. Ferito a colpi di lupara il padre Giuseppe che aveva tentato disperatamente di opporsi ai sequestratori nell'androne di casa.
Sarà rilasciato dietro riscatto di 300 milioni il 5 febbraio dopo tredici giorni di prigionia.
ACCADDE il 24 gennaio 1972
Inviato sull'isola di Guam nel 1941, il soldato giapponese Shoiki Yokoi, ignaro della fine del conflitto mondiale, fu ritrovato il 24 gennaio '72 dopo aver vissuto 28 anni nella giungla.

mercoledì 23 gennaio 2008

ACCADDE il 23 gennaio 1932

Viene pubblicato il primo numero della La Settimana Enigmistica

PROVERBIO DEL GIORNO 23 gennaio 2008 S. Emerenziana


'Augghia si nun cusi s'arruggia.
L'ago che non cuce, si arruginisce.

martedì 22 gennaio 2008

CORI ALLEGRU di Ester Avanzi


CORI ALLEGRU
Bona jurnata
suli!
ca mi talii
di matinu prestu
'nzinu quannu scura,
e duni lustru
a li mé jorna novi,
ca currunu,
comu acqua 'i ciumi
e nun tornanu cchiù.
Bona jurnata
a tia amuri miu!
c'accarizzi 'i me' sonni
'i carusa
rinnennu duci
na jurnata amara
assicutata
ccu alligrizza di cori.
Bona jurnata
genti ddo' munnu!
vulissi jorna
cco' suli 'nto' cori
e na vita ca riri
'nta tutti li casi.
Bona jurnata a tutti !
Ester Avanzi

PROVERBIO DEL GIORNO 22 gennaio 2008 San Vincenzo

Cu ha malu vicinu, havi malu matinu.
Chi ha un cattivo vicino, inizia male la giornata.

ACCADDE OGGI 22 gennaio 1506

Arriva a Roma, il primo contingente di guardie svizzere composto da 150 uomini.

FESTA DI SAN SEBASTIANO A SIRACUSA


Due simpatici scatti di Gino Cataudo durante la processione di San Sebastiano: un momento di pausa dei portatori e un bambino che vuole aiutarli.
Una giornata di festa siracusana quella di San Sebastiano compatrono di Siracusa e protettore dei vigili urbani, una meravigliosa domenica piena di sole, e festeggiamenti per il 51° anniversario della polizia municipale. Il cuore della città a piazza Duomo, con tanti agenti in divisa; gli eroi di ogni giorno che, per un giorno, si sono lasciati guardare con occhi diversi.
W San Sebastiano!

lunedì 21 gennaio 2008

TERRA DI BENI ( cantu pupulari )

(Siracusa: porto piccolo con sfondo Santuario della Madonnina delle Lacrime)

La Sicilia è la terra di li rosi

binidittu lu Diu chi nni la fici!

'Nta lu 'nvernu produci tanti cosi,

lu beni surgi 'n tutti li paisi:

Trapani viva, lu sali arricosi;

viva Messina 'dda donna filici;

Palermu ha firmatu tutti cosi

ppi darici l'assaltu a li Francesi (1)

(1) - vespri siciliani

TERRA DI BENI - La Sicilia è la terra delle rose/ benedetto Dio che ce la fece!/ Nell'inverno produce tante cose/ il bene sorge in tutti i paesi/ Trapani viva il sale raccolse/ viva Messina quella donna felice/ Palermo ha fermato ogni cosa/ per dare l'assalto ai Francesi.

'A RIVOLUZIONI DU 1848 (ovverossia: 'u saziu nun criri 'o diunu) - Salvatore Adelfio

Nu sceccu avvezzu a traspurtari pani
un jornu lu pitittu lu futtìa:
"Patruni, a nomu di li cristiani,
ci dissi, qualchi tozzu ni vurria.
La cira 'n manu di li sacristani
squàgghia comu la nivi a la campìa;
tu ca li costi hai robusti e sani
penza un mumentu a risturari a mia"
Rispusi di bon cori lu patruni:
"Sì fussi pagghia, t'avirria cuncessu
manciaritinni macari un saccuni;
e lu pitittu to' è lu stessu".
Lu sceccu fu 'mpurtunu
si curca 'n terra, ed esclamannu dici:
"Lu saziu nun criri a lu diunu!"

LA RIVOLUZIONE DEL 1848 di Salvatore Adelfio
Un asino avvezzo a trasportare pane/ un giorno l'appetito lo fotteva/ "Padrone, a nome dei cristiani,/ gli disse, qualche tozzo ne vorrei/ La cera in mano ai sacrestani/ si scioglie come neve nei campi/ tu che le coste hai robuste e sane/ pensa un momento a ristorare me/ Rispose il buon padrone/ Se fosse paglia, ti avrei concesso/ mangiartene magari un saccone/ ma per il pane non ci trovo nesso/ ti do' un pezzo di ciambellone/ e l'appetito tuo è lo stesso/L'asino fu importuno/ si corica per terra ed esclamando dice:/ Il sazio non crede chi è digiuno!

LU DIAMANTI - cantu pupulari

'N jornu ca Diu Patri era cuntenti
e passiava 'n celu cu li Santi,
a lu munnu pinzau fari un prisenti (1)
e da' curuna si scippau 'n diamanti;
cci addutau tutti li setti elementi,
lu pusau a mari 'n facci a lu livanti;
lu chiamaru Sicilia li genti
ma di l'Eternu Patri è lu diamanti
(cantu pupulari)

prisenti - regalo

IL DIAMANTE - Un giorno che Dio Padre era contento/ e passeggiava in cielo con i Santi/ al mondo pensò di fare un presente/ e dalla corona si staccò un diamante/ gli diede in dote tutti i sette elementi/ lo posò a mare in faccia al levante:/ lo chiamarono Sicilia le genti/ ma dell'Eterno Padre è il diamante.



domenica 20 gennaio 2008

'A FAVULA E' DITTA



Iddi ristaru filici e cuntenti
e nuatri senza nenti
a favula è ditta
carcàmunni 'a birritta
'U scantu si rumpìu
a favula finìu
Carussiddi cu ll'occhi mmaiàti
Munnu di sonnu pappadiànu ancora
Poi a vita ripigghia
Carcamuni 'a birritta
jemuninni
avanti ppa' nostra strata
0ntrizzamuni 'u nostru distinu
'U 'ncantu si rumpìu
a favula finìu
Nun è vveru!
A favula c'è sempri
'n funnu 'o cori a 'nfacciatèdda
(Nino Pino - da Poesie e Teatro)

SAN SEBASTIANO

















Festa di San Sebastiano, compatrono di Siracusa, del 2007. Foto di Gino Cataudo.




SAN SEBASTIANO

(foto di Gino Cataudo)
Semu vinuti 'i tantu luntanu ... sulu ppi tia Sammastianu! Questo è il grido dei devoti di San Sebastiano di Melilli in provincia di Siracusa; Festa con i carretti variopinti, i nastri rossi, i tamburelli, i voti, raggiungere Melilli a piedi ...
'U Rizzareddu di Acireale e dalle prime luci della mattina, fra il frastuono dei fuochi d'artificio, il suono delle campane ed una incessante pioggia di coriandoli colorati, una moltitudine di devoti scalzi e con il fazzolettino di seta in testa, al grido di Cu tuttu 'u cori viva Sammastianu - con tutto il cuore evviva San Sebastiano - portano in giro l'argenteo fercolo settecentesco. La processione si sposta per la città per rientrare a tarda notte nella Basilica.
Toccante è il tradizionale saluto al treno delle ore 16, che avviene in Piazza Pennisi in ricordo di un analogo treno che passava pieno di soldati diretti al fronte durante la Prima Guerra Mondiale.
Ad Acireale il Santo è ancora chiamato 'u rizzareddu (il ricciolino) per via dei biondi riccioli della statua.

sabato 19 gennaio 2008

SAN SEBASTIANO


Entreranno nel vivo, questo pomeriggio ad Augusta, i festeggiamenti in onore di San Sebastiano, patrono dei vigili urbani e compatrono di Augusta.
La novità di quest'anno consiste nel ripristino della festa esterna nel mese di gennaio, che avrà luogo domani, nel giorno della ricorrenza del Santo bimartire.
Domani il simulacro di S. Sebastiano tornerà a percorrere le strade di Augusta nel giorno della festa liturgica.
Dopo la funzione religiosa delle 10,30 avrà inizio la processione che prevede l'ingresso e la sosta del simulacro nella Chiesa del Patrono S. Domenico.

PROVERBIO DEL GIORNO

Contra a' furtuna nun vali 'u sapiri.

Contro la fortuna non vale il sapere.

I CONSIGLI DELLA NONNA - far brillare la posateria


Se desideriamo che alla tavolata speciale che stiamo organizzando nella nostra casa faccia parlare bene e a lungo di noi, occhio - come dice la nonna - alla posateria: dovrà essere brillantissima! E come fare con quelle ostinate macchie scure? Occorre tagliare una patata a metà e sfregare la parte viva su ogni posata, poi lucidare con un panno di cotone. Oppure, si può inumidire un canovaccio con del bicarbonato e strofinare ogni pezzo.

Santa Lucia

video

(Processione di Santa Lucia. Clip video realizzato da Gino Cataudo)

Ancora oggi non si è spento l'eco della Festa di Santa Lucia, questo video per i siciliani nel mondo.

ACCADDE OGGI 19 gennaio 1896

Il primo servizio di illuminazione elettrica che impiega cavi elettrici sospesi, costruito da Thomas Edison, entra in funzione a Roselle nel New Jersey

venerdì 18 gennaio 2008

JOCHI 'I 'NA VOTA - A figghiu 'i buttana


Questo gioco è quasi simile a quello del "A tocca compagno" (vedi post precedenti) ma più sfrenato, e si giocava in una spianata, in una piazza (a Siracusa Piazza Santa Lucia e la Piazzetta del Pantheon).
Per tocco, un ragazzo restava fuori dal cerchio, mentre tutti gli altri si tenevano per mano, rivolti con la faccia verso l'esterno.
Quel che non era nel cerchio (sfidante) girava in senso antiorario, battendo con le mani due pietre, ripetendo a cantilena e con finte mosse:
Figghiu di buttana
ccu perdi paja!
Poi gettava le due pietre ai piedi di un compagno che (solo quando le pietre erano a terra) doveva scattare in senso orario per riprendere il posto. Se non vi riusciva diventava sfidante.
Chi falliva tre volte consecutive, veniva squalificato e si metteva a sedere su una soglia o un ciglio di marciapiede, a guardare il resto del gioco.
Al numero di tre squalificati, il capo-gioco procedeva per l'assegnazione del pegno.

MANGIARE SICILIANO - Frittata saporita


ingredienti per 4 persone:
4 uova, 150 gr di salsiccia, 1 spicchio d'aglio, prezzemolo, 1 cucchiaio abbondante di pan grattato, 50 gr di caciocavallo semistagionato, olio extravergine d'oliva, sale.
procedimento:
Sbattete in una terrina le uova con il pangrattato, il prezzemolo tritato e un pizzico di sale; versate il composto in padella, dove nel frattempo avete fatto riscaldare l'olio. Abbassate il fuoco e sistemate sulle uova la salsiccia tagliata a fettine molto sottili, l'aglio tritato, il formaggio affettato. Lasciate addensare le uova quindi rigirate la frittata e fatela addensare anche dall'altro lato.
Servite calda.

ACCADDE OGGI 18 gennaio 1896

Viene mostrata per la prima volta una macchina per raggi x.

PROVERBIO DEL GIORNO 18 gennaio 2008

'A quartara ca va all'acqua, o si rumpi o si ciacca.
La brocca che va all'acqua, o si rompe o si incrina.

giovedì 17 gennaio 2008

POETI ANTEAS SIRACUSA - Giorgio Guarnaccia




' NOVA BABELE
Ni lu granni "pumu russu"
comu chiamanu Novi Yorchi,
fabbricaru ddu palazzi
ca tuccavunu lu celu.
Tuuti rui misi a tagghiu,
tutti rui, stissa rannizza,
tantu è veru ca la genti
li chiamavanu "li gemelli".
Tuttu 'u populu vantava
la biddizza e la pussanza
ri si ranni costruzioni,
vantu puru di la nazioni.
Era l'unnici sittembri
l'annu appressu a quannu 'a genti
lu millenniu fistiggiava
augurannusi la paci.
Ni lu celu chiaru e tersu
tuttu 'u populu taliò
nu veivulu ca 'na torri
rittu rittu la puntò.
Fu gran bottu e granni focu
tutta 'a genti a vucca aperta
sò ca visti nun criria...
la pigghiau a majaria.
Ma passaru pocu tempu
tutti vittiru 'n aereu
ca facennu comu 'u primu
contru l'autra s'aschiantò.
St'autru bottu 'u finimunnu
ppi li strati scatinò.
Cu currìa senza mutivu
cu currìa ppi dari aiutu.
Ma lu dannu ranni assai
nunn'avia a finiri ddocu:
Prima l'una e lautra appressu
li si vitti accartuciari.
Parsi vinni 'n terremotu
puru 'a terra sussurtò
e 'n infernu 'i fumu e focu
tutta 'a zona addivintò.
Nei palazzi a ssu mumentu
c'era genti a lu travagghiu,
c'era genti a centu a centu
chi la morti s'arrubbò.
Parsi'a storia 'i Babilonia
quannu l'omu supraniusu
ccu na ranni costruzioni
a Diu stissu pruvucò.
Fu la manu 'i terruristi
ca li ranni costruzioni
cu gran dannu a li pirsuni
chista vota distruggeru.
Fu pirmissu do Signuri
'nu disastru tantu ranni
ppi puniri 'a tracutanza
di s'arruganti sucietà?
Giorgio Guarnaccia


PROVERBIO DEL GIORNO

Cu' ammuccia zoccu fa, è signu ca fa mali.
Chi nasconde ciò che fa, vuol dire che fa male.

ACCADDE il 17 gennaio del 1945


I nazisti cominciano ad evacuare il campo di sterminio di Auschwitz.

mercoledì 16 gennaio 2008

PROVERBIO DEL GIORNO

Nun ludari la jurnata si nun scura la sirata.
Non lodare la giornata se non arriva la sera.