mercoledì 30 aprile 2008

Cenacolo Poetico del 28 aprile 2008

La poetessa sig.ra Cafeo, legge una poesia di suo marito il mai dimenticato Letterio Cafeo.
Anche la sig. Reale fa ascoltare CASA ANTICA del marito Oreste Reale.

La poetessa Maria Luisa Vanacore


Vera Cavarra Bellassai



Il cantante folk Giuseppe Pastorello




poetessa Maria Luisa Vanacore





Giuseppe Barbagallo






Giuseppe Amenta






Il presidente ANTEAS di Siracusa - Agostino La Fata - della serie "come mi diverto!"









Armando e Pippo La Delfa in un improponibile CUMMATTIMENTU D'ORLANDO E RINALDU di Nino Martoglio.









Il poeta Giorgio Guarnaccia legge la sua poesia L'EMIGRANTI vedi il sottocitato post










Armando Carruba











Armando ... resta iptonizzato dal microfono!












il poeta Antonino Magrì













Angelo Rullini














Il pubblico ... picca ma boni !!!

Si è svolto il 28 aprile 2008 una riunione fra i poeti ANTEAS di Siracusa; Gino Cataudo con il suo obiettivo ha colto qualche significativo momento.
per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it











L'EMIGRANTI di Giorgio Guarnaccia

L'occhi stutati, facci patuta
ogni spiranza hanu pirduta.
Scinnunu no' gummuni
a muta muta,
comu se issiru ne' fauci d'un liuni.
Ognunu o' pettu strittu serra
ddu pocu ca pusseri supra 'a terra
ca tenunu na' valiggia o no' bursuni.
Lu capitanu lestu afferra
l'ultimi sordi ca hanu sì pirsuni.
Parunu vecchi, stanchi, immuruti;
stuccati da li ranni peni patuti.
L'occhi vagnati ppi li troppi duluri
di l'ultimi saluti
a sò casa e a lu sò amuri.
Ammunziddati comu l'armali,
ridutti comu a iddi, tali e quali
- partunu ppi paisi assai luntani -
comu avissiru misu lu tistali;
varcannu lu mari in cerca 'i pani.
Puru na' pena di st'urtima ura
'a terra ca li caccia amanu ancora;
amanu ancora 'a terra maliritta
ca li figghi sò addivura
facennu di li poveri minnitta.
Parti 'u gummuni, mentre 'u jornu mori
e a tutti ci si strinci forti 'u cori.
Da' riva si senti arrivari 'na vuciata:
"Addiu amuri caru
t'aspettu ogni jornu e ogni nuttata".
Ora virunu sulu celu e mari.
Prejanu lu Signuri ca li fa arrivari
senza truvari seri impedimenti
picchì jttati a mari
sunu da lu capitanu 'n tempu 'i nenti.

Giorgio Guarnaccia

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

martedì 29 aprile 2008

JANCHI VILERI di Antonino Magrì


Janchi vileri
sgaggiunu lu mari
e 'ntrizzanu sunati cu lu ventu;
unni argintati
brillanu a lu suli
e addànzunu 'na danza
ritmata;
libiri àipi fanu festa
cu canti
e giravoti appassiunanti
e vannu pizzuliannu l'unni 'n testa,
tuttu è tranquillu
tuttu è funna cueti...
di 'st'armunia
l'anima mia stanca
veni rapita e torna
arreri arreri,
finu a truvari
di la carusanza
janchi vileri
Antonino Magrì

Antonino Magrì e Maria Luisa Vanacore

Antonino Magrì Nel 1991 ha fondato a Catania il Centro d'Arte Poesia e Cultura Siciliana MarranzAtomo che tutt'ora raccoglie molti letterati locali.
Maria Luisa Vanacore insegnante, nativa di Torre del Greco vive ed opera a Priolo Gargallo. E' una validissima poetessa, scrittrice, pittrice, giornalista.
Il Cenacolo Poetico ANTEAS di Siracusa con l'adesione del poeta Antonino Magrì e della poetessa Maria Luisa Vanacore, s'arricchisce di due validissimi elementi che contribuiranno a dare quella marcia in più per mantenere vive le nostre tradizioni siciliane.
per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

mercoledì 23 aprile 2008

LU CANTU DI LA GENTI di Francesco Rapisarda


Curri lu suli
p'addumari lu celu.
Com'è lentu lu so passu
supra li nostri avvirsità!
Currunu li pinzeri,
'mpastati di vita,
(cu la pantaciata e chini di duluri
caminanu li nostri uri),
curri la notti
e si trascina li stiddi
di la nostra menti:
si trascina lu munnu!
Curri la vita
e a lu so tramuntu
supra la terra
nun spunta chiù l'alba.
Curri lu suli
p'addumari lu celu...
Ma supra la terra
nun spunta chiù l'alba!
Francesco Rapisarda
per contattarci - www.anteaspoesie.it

IL PANE DEL BOIA

Tutte le mattine, passando per andare a giustiziare i condannati, il boja si fermava alla bottega del fornaio e gli diceva:
- Mastro fornaio, conservatemi un pane; al ritorno me lo prenderò.
Venne il boja al ritorno, ma il mastro fornaio non gli diede il pane, perchè se l'era dimenticato.
- Mi son dimenticato di conservarlo!
Così la prima, la seconda e l'altra volta successiva, sino a quando sentì quella vecchietta di sua madre che disse al boia:
- State sicuro che al ritorno il pane lo troverete... ci penserò io a conservarlo.
Quella vecchietta della madre del fornaio cosa fece? Tutte le mattine quando si sfornava il pane, prendeva un pantondo e lo metteva da parte, rivolto sottosopra, e diceva:
- Questo è il pane del boja!
Per questo è cattivo augurio mettere a tavola il pane sottosopra: è il pane del boja.

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

giovedì 17 aprile 2008

CANTILENA POPOLARE

VOGA, VOGA!...
Voga, voga, marinaru!...
chi li pisci si nn'andaru;
si nn'andaru a la marina:
voga, voga, Catarina!...
Cchiù nun voghi, marinaru?...
puru i pisci si nn'andaru;
si nn'andaru a la marina:
chianci e voga Catarina!...
(cantilena popolare)

VOGA, VOGA!... - Coga, voga, marinaio!.../ché i pesci se ne andarono;/ se ne andarono alla marina/ voga, voga, Caterina!.../ Più non voghi, marinaio?.../ pure i pesci se ne andarono/ se ne andarono alla marina:/piange e voga Caterina.

Cenacolo poetico dialettale ANTEAS di Siracusa
anteaspoesie@yahoo.it

I PAPIRI - versi popolari

(fontana a piazza delle Poste . foto di Ines Gugliotta)
'Na paparedda
dintra 'a frischìa
si paparìa
si paparìa
Un papareddu
fora a frischìa
quacquaracchìa
quacquaracchìa
Setti pàpiri
'na cumpagnia;
cu' sguazzarìa
cu' ruzzulìa
Unu sbulazza
unu filìa
unu passìa
fora 'a frischìa
E chianu chianu
la cumpagnìa
si paparìa
quacquaracchìa
I PAPERI - Una paperetta dentro il vascone, si muove goffa, si muove goffa. Un paperotto fuor dal vascone, gracchia qua qua, gracchia qua qua. Sette paperi una compagnia: uno sguazza uno razzola. Uno svolazza, uno veleggia, uno passeggia fuor dal vascone. E piano piano la compagnia, si muove goffa gracchia qua qua.

LU DIAMANTI - Cantu pupulari

'N jornu ca Diu Patri era cuntenti
e passiava 'n celu cu li Santi,
a lu munnu pinsau fari un prisenti (1)
e dà curuna si scippau 'n diamanti;
cci addutau tutti li setti elementi,
lu pusau a mari 'n faccia a lu livanti;
lu chiamaru "Sicilia" li genti,
ma di l'Eternu Patri è lu diamanti.

(1) prisenti = regalo

DIAMANTE - Un giorno che Dio Padre era contento e passeggiava in cielo con i Santi, al mondo pensò fare un presente e dalla corona si staccò un diamente; gli diede in dote tutti i sette elementi lo posò a mare in faccia al levante; lo chiamarono "Sicilia" le genti, ma dell'Eterno Padre è il diamante.

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

LINGUA E DIALETTO di Ignazio Buttitta

video

Ignazio Buttitta è il più famoso poeta siciliano d'oggi, il solo ad essere conosciuto all'estero, tanto conosciuto che si è perfino parlato di Nobel. I suoi libri si vendono in misura decisamente superiore a quelli di Montale, i suoi recitals sono gremiti, è un fatto nuovo per la poesia siciliana, che non aveva conosciuto mai una simile popolarità, neanche quando i poeti si chiamavano Veneziano e Meli, Tempio e Scimonelli, Di Giovanni e Martoglio; è un fatto che si deve a lui, a Ignazio Buttitta, che ha saputo popolarizzare sul suo nome l'attenzione e l'interesse della critica e del pubblico. La poesia in questione è la famosa LINGUA E DIALETTO letta da Armando Carruba e Giuseppe La Delfa.

Si ringrazia l'amico Gino Cataudo per la ripresa video.

CUGGHIUTA DIFFIRINZIATA di Armando Carruba

Dicunu tutti da che munnu è munnu
ca 'nta l'aritmetica nun c'è sbagghiu
ppi cui si all'annu di munnizza
cincucentu chili all'unu ssi nni jetta
prima ca finisci a pagghiazzata
ci voli 'sta cugghiuta diffirinziata.
Si accatti un'elettrica apparecchiatura
la vecchia ci la duni a la putìa
ca d'obbligu ppi subbitu s'ha pigghiari
e ppi giusta liggi l'havi à smaltiri.
Hamu a ghittari cchiù picca e megghiu
ora ti dugnu qualchi cunsigghiu.
Quannu allegramenti fai 'a spisa
nun pigghiari robba a muzzu: fai na cosa
afferra cosi nichi e semplici ppà casa
prifirisci i prodotti cuncintrati
e robba fatta ccu cosi riciclati,
e li cuntenitori ca sbacantati
ci l'ha turnari a ccu ti l'ha vinnuti.
Pigghia li cosi usu famigghia
e non chiddi tipo usu e jetta
ritorna a la sporta di na vota
scancella li sacchetti di la spisa!
Chi metti nell'organico cuntinituri?
tu dicu sempri ju 'nta ddu paroli:
scarti 'i cucina e avanzi 'i manciari
scocci d'ovu, frutta e virduri
piatti, bicchieri in plastica, funni 'i tè
ciuri appassiti, pani duru, funni 'i cafè.
Nun mettiri stracci, carta patinata, nenti
comu cacca i cani e jattu e assorbenti.
'Nto postu dda' carta ci ponu stari
scatuli 'i pasta, libri e cartuni
quaterni, rivisti, fotocopii, giurnali
mentri macari ccà nun ppò azziccari
nylon, fazzuletti lurdi, pergameni.
Li cosi sunu tanti e ppi sapiri di cchiù
di lu governu it fai lu www.
Forsi facennu bona 'sta cugghiuta
'nta bulletta ni calunu la spisa
o è sonnu Catarina ca l'aria è duci
pirchì c'è cu l'aumentu nnu fici;
ma se un populu si viri macari ddà munizza
forza picciotti !!! mittemuci 'na pezza!!!

A LA BEDDA DI LI BEDDI di Nino Martoglio

video

Carissimi amici! In occasione della festa della Donna (con la D maiuscola, perchè donnette con la d minuscola - come uomini minuscoli, nun passanu e nun cuntanu) in occasione della Festa della DONNA; desidero augurare una splendida giornata con la poesia del grande Nino Martoglio A LA BEDDA DI LI BEDDI .... la voce recitante è la mia e questa poesia è inserita nello spettacolo per beneficenza di giorno 13 marzo 2008 al Teatro ODEON di Lentini (SR).

A U G U R I S S I M I ! a tutte le donne che leggono!

La voce della poesia A BEDDA DI LI BEDDI di Nino Martoglio è d'Armando Carruba; realizzazione videoclip Gino Cataudo.

per contattarci: anteaspoesie@yahoo.it

'A FAMIGGHIA PUVIREDDA

CATANIA - panorama dal Cannizzaro 'A FAMIGGHIA PUVIREDDA
'A famigghia puviredda
'nta 'na nicchia strittulidda,
cu 'na tavula baddaredda
'na cascitta picciridda
un bacili e 'a quartaredda
s'arrangiava scumudidda;
'u papà cu na zappudda
si chiantava 'a siminzedda
'a mamà sula sulidda
'a funtana cca' bucaledda,
'e 'ranni pani e cipudda
'o gangà 'na sucatedda;
'u papà 'na friscatedda
'a mamà 'na canzunedda
'u gangà 'na cianciutedda
nninghi nninghi 'a ciancianedda
poi 'na bedda durmitedda...
chi famigghia biatidda!

LA FAMIGLIA POVERINA - La famiglia poverina in angusta casettina, con la tavola vacillante una cassa piccolina un bacile e un orciolo s'arrangiava scomodina; il papà con la zappetta si piantava la semente; la mamà sola soletta alla fontana per il bucato; ai grandi pane e cipolla al neonato una poppatina; il papà una fischiatina la mamma una canzoncina, il neonato una frignatina, nninghi nninghi la campanellina; poi una lunga dormitina... che famiglia beata e bella!

(versi popolari - se ne sconosce l'autore)

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

Ju ppi tia

Ju ppi amuri tò
passu lu mari
ppi pinitenza
'u passu addinucchiuni
arrivannu a menzu di lu mari
mi ni pentu
O marinaru
votami 'sta navi
c'haju lassatu 'na picciotta
a miu talentu
mi scantu su s'avissi a maritari
su si marita
e nun mi pigghia a mia
Signuri
dopu l'annu a 'ncattivari
Jerutu schetta
e nun ti potti aviri
ora cattiva
nun mi po' mancari

Io per amore tuo attraverso il mare, per penitenza. Io attraverso in ginocchio arrivando in mezzo al mare ci ripenso. O marinaio porta indietro questa nave che ho lasciato una donna che mi piace ho paura che si potrebbe sposare e se si sposa, e non con me, Signore dopo un anno dev'essere vedova. Eri signorina e non potei averti ora vedova non mi puoi rifiutare.

A LA NATURA di Giuseppe Nicolosi Scandurra

Sulu, pinzusu, guardu, ascutu, attentu,
ogni scena 'nfinita frisca, pura
si 'nfunni a mia , m'ispira sintimentui
mentri ccu variità sempri appitturata.
L'acqua, lu celu, lu suli, lu ventuùsunnu lavagna di la mia scrittura,
chinu di ardenza, 'ntra lu cori sentu
tuttu chiddu ca movi la natura.
Natura, matri eterna sugnu a tia
tuttu fidili, e ti tuttu m'addumi
di geniu, ca lu chiamu puisia.
Tu mi ciati, mi spinci, mi susteni,
mi suggirisci tu, mi duni lumi.
cantu, beni mi voi e ti vogghiu beni.

Giuseppe Nicolosi Scandurra


per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

LI ME' SUNETTI - Nino Martoglio

LI ME' SUNETTI
Ju li cugghivi 'mmenzu li lurdumi,
'nta li taverni, 'ntra lu lupanaru.
unni lu nostru suli è tantu avaru
di luci, né virtù, né c'é custumi.

Ju li cugghivi unni paru paru
lu sangu allimarratu scurri a sciumi,
unni lu scuri è fittu e c'è pri lumi
sulu ocche luci luci picuraru.

E li cugghii di notti, sgammitati,
tastiannu comu l'orvi muru muru
e zuppicannu comu li sciancati.

Pricchissu, ed anchi pricchì su' sicuru
chi a fari lustru non su' distinati,
ju li vosi chiamari: " 'o scuru, 'o scuru"

Nino Martoglio (dalla Centona)

mercoledì 16 aprile 2008

1° premio poesia NINO MARZA'




Abbiamo ricevuto diverse email che richiedevano i nomi dei vincitori del Concorso Poetico NINO MARZA'.
I nominativi, fornitici dal poliedrico Pippo La Delfa sono:
1° Senzio Mazza di Firenze (originario di Catania)
2° Flora Restivo di Trapani
3° Spadaro di Palermo.
Se ci fate avere i testi delle poesie, possiamo farle conoscere ai lettori di questo blog.
Buona giornata.
armando

martedì 15 aprile 2008

COSA C'E' DI MEGLIO DI... UNA RISATA regia Teresa Peluso


da sx - Alessandra Gozzo, Nadia Iemmolo e Bianca Reale

Armando Carruba, Bianca Reale, in fondo la nota cantante folk Lucia Siringo, Alessandra Gozzo e Gaetano Monterosso


Bianca Reale e Alessandra Gozzo



Gaetano Monterosso e Armando Carruba




Gaetano Monterosso e Armando Carruba





Paolo Sipione, Veronica Vasquez, Bianca Reale, Lucia Siringo, Armando Carruba, Nadia Iemmolo, Alessandra Gozzo e Gaetano Monterosso.
Cosa c'è di meglio di una risata regia di Teresa Peluso ed. NUOVA SCENA, sarà replicato giovedì
17 aprile 2008 alle 17.00 nei locali di Villa Maria a Siracusa.




I DUE COMPARI

- Compare carissimo non se ne può più!

- Ragiuni aviti! ccu nun u voli sapiri nun 'u sapi: HA VINTO BERLUSCONI !

- HA PERSO VELTRONI

- aumentato Di Pietro con valore la sua Italia dei valori...

- e Casini?

- tutto un casino, ha perso voti e iddu dici che ha vinto!

- misteri della politica...

- a casa ci siamo fatti i cunti: 840 di ICI ca nun si paja cchiù e 500 di tassa di circolazione 1340!

- certu s'avevuru a casa ddò Cavaleri e i machini ddò Cavaleri risparmiavuru chiossai !

- chi si contenta gode!

- e chiddi ca nun hanu nè casa e mancu machina?

- compare si nun hanu nenti che devono godere?

armando carruba

giovedì 10 aprile 2008

PROVERBIO

Quannu 'u celu è paddi paddi
e 'a muntagna fa cappeddi,
quannu puru tira ventu,
sa nun chiovi, fa bon tempu!

Quando il cielo addensa nubi/ e il monte si incappella/ quando pure tira vento/ se non piove, fa buon tempo!

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

LA PUISIA di Francesco Rapisarda

Siracusa: faro dell'isola e Camping IL MINARETO 'Na svulazzata di senzu
'ntra 'n raggiu splinnenti
sfunnau lu celu.
Niscìu
di la caverna di l'eternitati
china di firiti
cu sfilazzi di sangu d'amuri,
purtannu a lu suli
lu 'nguentu di la puisia!
Francesco Rapisarda

martedì 8 aprile 2008

1° premio poetico NINO MARZA'















































































Alcune festose immagini, di Gino Cataudo, del 1° premio poesia dialettale NINO MARZA'. La manifestazione si è svolta domenica 6 aprile 2008 nei locali della Capitaneria di Porto (ex Stazione Marittima).