mercoledì 18 gennaio 2012

calendarietti del barbiere




QUEI CALENDARIETTI DEI BARBIERI...


Ricordo che fino alla fine degli anni settanta a Sarausa i barbieri usavano regalare ai propri clienti, nel periodo delle feste natalizie, un calendarietto, o, se più vi piace, almanacchino, stampato su cartoncino profumato. Sulle paginette, che erano tenute assieme da un cordoncino, da una parte c'erano i giorni del mese e dall'altra delle figure, prevalenteme...nte di donne vestite succintamente che all'epoca era ritenuta cosa osè.
Ricordo come se fosse ieri, era un rituale: il maestro barbiere appena terminato il servizio ad alta voce diceva "spazzola" ed il ragazzo di bottega ('u carusu 'i putìa) era subito lì pronto a spazzolare il collo, le orecchie e la giacca del cliente, offrendo subito dopo il "calendarietto profumato", contenuto in una bustina di carta velina trasparente. Il cliente a volte pagava con una banconota di taglio più grosso per lasciare volutamente la "mancia" al ragazzo. Capitava quindi di udire il cliente dire sommessamente "'u restu mancia" ed il barbiere a voce alta (per attirare l'attenzione del ragazzo ..... e degli altri clienti) ripeteva "MANCIA!" e infilava la/e moneta/e in una cassettina sul bancone.
Noi ragazzini di 14-15 anni, desideravamo averlo e andavamo in questi giorni dal barbiere, iddu - mastru macari di vita - 'u sapeva e per farci contenti alla fine del servizio lo regalava (in questo caso nun era 'u carusu 'i putìa a darlo) e noi eravamo felici e contenti e ccu cori davamo pure noi la mancia!!!

lunedì 16 gennaio 2012

PARPAGHIUNEDDU di Orsolina Pace Mazzarese

PARPAGGHIUNEDDU Parpagghiuneddu chi mi giri ‘ntunnu, quali nova mi porti? – ti dumannu. Di quali parti veni di lu munnu? Dimmillu. Nun l’aviri ppi cumannu. Nun sugnu vampa e nun t’abbruciu l’ali puru chi focu vivu è lu mè cori! Tu lu capisci? Nun ti vogghiu mali! Lu sai! A la vampa un parpagghiuni mori! Giri e rigiri cu l’aluzzi scuri E nun capisciu ‘nzoccu mi vo’ diri! Nun mi purtari novi di duluri! Portami beni, chi lu suli riri! Ma si la nova chi mi porti è mali, nun la lassari ccà vicinu a mia! Portatilla luntanu, supra l’ali, Lassala abbannunata a la stranìa. Orsolina Pace Mazzarese FARFALLINA – Farfallina che mi giri attorno/ quale notizia mi porti ti domando/ Da quale parte viene del mondo/ dimmelo … non prenderlo come comando/ Non sono vampa e non ti brucio l’ali/ anche se fuoco vivo è il mio cuore/ Tu lo capisci? Non ti voglio far male/ Lo sai! Vicino la vampa una farfalla muore!/ Giri e rigiri con l’alette scure/ e non capisco quello che vuoi dirmi/ Non mi portare brutte notizie/ portami quelle liete che il sole ride!/ Ma se la notizia che mi porti è brutta/ non la lasciare vicino a me/ portatela lontano, sopra l’ali/ lasciala abbandonata in terra straniera.
video