mercoledì 29 aprile 2009

L'ECU DI LI VASUNI di Giuseppe Nicolosi Scandurra

video
L'ECU DI LI VASUNI

Crisceva ccu la frunna e l'anniddatu
virdi, pumpusa, carrica la vigna,
quannu lu ventu 'nfurzava lu ciatu
jucaunu li cimi a la pazzigna.

Iu ccu Rusidda, comu l'arti 'nsigna,
facevumu li viti ad archiggiatu,
misi a filagnu, tutti dui d'allatu,
so patri arrassu scippava gramigna.

Senza ca mai so patri mi videva,
iu a mmenzu di li pampini, ammucciuni
vasava Rosa, ed idda mi rideva.

So patri spinci all'aria lu zappuni,
vinni, darimi corpa mi vuleva
ca 'ntisi l'ecu di li mei vasuni

Giuseppe Nicolosi Scandurra

(da NATURA E SINTIMENTU Tip. F.Conti 1951)

LA GOVERNANTE di V.Brancati - NUOVA SCENA -


video
foto di Gino Cataudo

NOTE DI REGIA:
LA GOVERNANTE di Vitaliano Brancati, edita nel '52, incontrò problemi con la censura
sia per l'argomento principale, allora "scabroso" sia per le altre tematiche scomode, contenute nell'opera, che, pur avendo una ben precisa collocazione storico - politico - sociale, presenta nello stesso tempo un dramma che esula dai limiti temporali e che appare oggi più attuale che mai, richiamandoci al problema del "diverso" nei cui confronti si ha spesso un atteggiamento di distacco, di incomprensione, di non accettazione, che porta il soggetto a vivere in modo, talvolta tragico, il suo stato.
E così Caterina, la protagonista, non accetta serenamente la sua "disgrazia", anzi, per la sua rigorosa coscienza morale, sente fortemente il bisogno dell'espiazione, della punizione, che trova, in modo perverso, calunniando la rozza, ingenua Jana, portatrice di sentimenti sinceri, suscettibili di fraintendimento.
Ella vive la sua natura in maniera così ambigua da indurre a definirla ipocrita, ma il suo comportamento è determinato dal fatto che in lei vivono due anime: una sinceramente buona e pronta ad aiutare il prossimo; l'altra, quasi perfida, tendente ad usare i suoi simili; soffre e lotta per superare questo conflitto e dare armonia al suo animo.
Brancati scandaglia, con profonda delicata analisi, l'animo di tutti i personaggi, soggetti a conflitti interiori, ma soprattutto quello di Leopoldo, che troppo rigido nei suoi principi morali, ha causato a se stesso un grande dolore e pe questo "dopo", avendo accettato la debolezza umana, pur sconvolto e privo di certezze, comprenderà e perdonerà.
Avendo considerato la tematica dell'opera non ristretta entro confini definiti, la scelta registica si è orientata verso una messinscena "atemporale" sia nella scenografia che nei costumi, consoni al carattere del personaggio, e non ha voluto esprimere un giudizio netto sui personaggi, ma ha voluto lasciare nello spettatore un'emozione immediata, soggettiva, suscettibile di ulteriori riflessioni nel ricordare che "il corpo è la prigione dell'anima".
Rosa Peluso

sabato 25 aprile 2009

Cori alla Chiesa S, Lucia alla Badia

video


Realizzazione video - Gino Cataudo

per contattarci anteaspoesie@yahoo.it

martedì 21 aprile 2009

A ME' MUGGHIERI di Salvatore Di Pietro

video

Nel corso di un Cenacolo Poetico e successiva Serata Danzante con i DUE PPIU', Agostino La Fata ha presentato la poesia A ME' MUGGHIERI di Salvatore Di Pietro, versi che hanno partecipato qualche annetto fa a LA TERRA VIRDI di Buccheri.
Le foto sono del nostro Gino Cataudo, mixer voce Pino Cultrera e la composizione video Armando Carruba.

per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

ricordando Vito Vargetto

video
Ricordo dell'amico Vito Vargetto - prematuramente scomparto - la poesia LA CUCUZZA è di Concetta Scalia detta da Vito Vargetto in occasione della TERRA VIRDI a Buccheri. Le immagini tratte dall'atto unico di Nino Martoglio CIVITOTI IN PRETURA al Dopolavoro ERG regia Agostino La Fata.

sabato 18 aprile 2009

ME PATRI di Corrado Nastasi



ME' PATRI

Mi manchi patri miu
tti nni jisti e...
'stu silenziu
fa cchiù scrusciu
di 'n tronu.
Mi manchi patri miu
e talju 'u celu
circannu
'u to' surrisu
ca mi pittava
'na jurnata amara.
Resta 'u to' riordu
'i to' cunsigghi
ppi 'ssiri ricchi
di 'na vita onesta
travagghiata
jornu dopu jornu.
Mi manchi patri miu.

Corrado Nastasi

giovedì 16 aprile 2009

RIEVOCAZIONE DELLA CARESTIA DEL 1646


(cliccare sull'immagine per ingrandirla)

Giorno 3 maggio 2009, come da locandina, rievocazione storica dell'evento miracoloso del frumento durante la carestia del 1646.
Regnava dal 1621 Filippo IV di Spagna. Egli, in quarant'anni di regno, agitato da continue guerre con la Francia, non fece che smungere la povera Sicilia.L'anno 1646 fu particolarmente calamitoso a causa di una grave carestia, aggravatasi per la minore disponibilità di carne in seguito ad una moria che distrusse quasi gli armenti bovini.
Il Vescovo Mons. Francesco Elia de' Rossi aveva distribuito fra gli indigenti seimila scudi, Siracusa era allo stremo. Il vescovo chiamò il popolo alla preghiera, facendo esporre sull'altare maggiore della cattedrale l'argenteo simulacro di S. Lucia ed indisse 8 giorni di suppliche.
Spuntava il giorno 13 maggio: un'arcana speranza s'insinuava nei cuori. Ed ecco che, mentre la cattedrale era gremita per la Messa solenne, una colomba, quasi a lieto presagio, fu vista aleggiare nel Tempio tre o quattro volte finchè si posò sul soglio del Vescovo tra l'ammirazione generale. Quasi all'istante si sparse la voce che nel porto avevano cercato riparo dei bastimenti carichi di grano e di legumi. La folla si agitò, si commosse e accertato l'evento gridò al miracolo e ringraziò S. Lucia. Fu fatto voto dal Senato siracusano e dal popolo che ogni anno nella prima domenica di maggio il simulacro di S. Lucia venisse trasportato nella chiesa del suo monastero ed ivi fosse esposto per 8 giorni.

La manifestazione sarà ripresa da Gino Cataudo.

per contattarci: anteaspoesie@yahoo.it

domenica 12 aprile 2009

LU TERNU DI LU STAZZUNARU (1910) di Ciccio Meli 1852-1932


LU TERNU DI LU STAZZUNARU
Carnaluvarata catanisa 1910
Una 'nvirnata a un mastru stazzunaru,
cci arrinisciu malissima daveru,
pirchì sempri chiuvennu paru paru
mai fici di travagghiu 'n jornu interu,
certi voti facìa menza jurnata
e certi jorna, mancu 'na trizzata.
'Ntantu duvìa, mischinu, sustintari
a cincu figghiareddi e la mugghieri,
e fu custrittu e furzatu di fari
la zazza a tanti latri pannitteri,
e sempri ccu ssi cosi accussì mali
passò tutti li festi principali.
Passò Natali e nun potti, l'affrittu,
a li so figghi dàricci 'n viscottu
passò Sant'Ajtuzza a pani schittu,
passò Carnaluvari senza cottu,
e San Giuseppi senza maccu e senza
ddu stissu pani pigghiatu a cridenza.
Sulu 'ntra li Pascuri cci 'nfruiu
ca tri grana a la riffa si jucau
e tri pi tri lu ternu ci nisciu,
e appena li dinari capitau,
a la mogghi e a li figghi, svinturati,
cci fici fari li festi attrassati.
Un magnificu pranzu cumminau
ccu diversi pitanzi e pani e vinu,
e tutti 'ntra 'nta vota 'mpastizzau
senz'ordini li festi: San Martinu,
Carnaluvari, li festi Pasquali,
San Giuseppi, Sant'Ajta e Natali.
Ficiru maccu ammuzzu, carni schitta,
pasta a lu sugu e pasta ccu ricotta,
cutuletti e ragù, sasizza fritta,
bròcculi, baccalaru e anciddi a ghiotta,
carni di prima fatta e spizzateddu,
brodu di vacca e arrustu di viteddu.
Dopu ssi pasti assai bunnanzijusi,
pi sgrascia vucca a tàvula ci misi,
'na cruvecchia di pira spavintusi,
ccu puma cola e ccu aranci maltisi,
'na gistra di lattughi 'ncappucciati,
ccu jacci, trunza e finocchi aruvati.
Pi fàricci di poi a li carusiddi,
tutti l'attrassi boni fisticeddi,
cci desi la citrata e li nuciddi,
caramelli, turruni e papareddi,
li scacciàti e crispeddi ccu l'anciova,
li cucciddati e l'aceddi ccu l'ova.
Pi fari la scinata cchiù cumpita,
fici tirminari a mascarata,
li robbi si livò, lordi di crita,
e si vistiu di fimmina 'ngrasciata,
e poi ccu 'n tambureddu tra li manu,
abballannu e sunannu nisciu 'n chianu.
E siccomu nun era tempu chiui
di mascarati, dui guardii allura,
cci avvicinaru e cci dìssiru: A vui,
siti in arrestu, viniti in Custura! -
E tutti due, accussì, unu ppi latu,
si lu purtaru 'nta lu Dilijatu.
Dicennuci: Signuri, stu signuri,
faceva li picciotti arribbillari,
ppi la ragiuni ca 'ntra lu Pascuri
jeva facennu lu Carnaluvari,
e pirciò nui l'avemu arrestatu
comu disturbatore mascaratu.
Lu Dilijatu cci dissi: Birbanti,
comu faciti vui pubblicamenti
lu mascaratu 'nta sti jorna Santi? -
E chiddu ci rispusi: Vossia senti,
ca cci la cuntu tutta la passata,
e cci la raccuntò, ma abbriviata.
Cci dissi, poi: Vossìa a Carnaluvari,
a lu so jornu cci fici l'onuri,
ma ju nun ci nni fici ca dinari
nun n'appi e mi curcai a cintiduuri,
ju li dinari l'appi a sta jurnata
e fici pranzu e Carnaluvarata.
Lu Dilijatu si fici capaci
ca la fami canina, a dd'infilici,
tuttu l'invernu nun ci desi paci,
e ppi lassallu libbiru, cci fici
di li so guardii li vesti livari
e ci dissi: Va jtivi a curcari! -
E chiddu, non appena lu lassau
lìbbiru, a la sò casa ssi nni ju,
e a la famigghia accussì ci parrau:
Dumani si campamu e voli Diu,
l'indumani di Pasqua avemu a fari
e l'indumani di Carnaluvari.
'Nfatti ca l'indumani, a prima basa,
calò e accattò di màsculi 'na pisa,
e la purtò 'n campagna a la za' Lisa,
e dda ficiru 'n jornu di sciampagna,
a li Trippunti, all'aperta campagna.
E poi, la sira, quann'è ca scurau,
ccu la famigghia 'n carrozza scinniu,
e daccussì li sordi ca pigghiau,
chiossai di la mità si li spinniu
ppi fari allianari a li figghi e mogghi
e ccu lu restu si pagau li 'mbrogghi.
Cicciu Meli

CANNOLU - Pitrè

Beddi cannola di Carnilivari,
megghiu vuccuni a lu munnu nun cci n'è;
ssu biniditti spisi li dinari.
Ogni cannolu è scettru di ogni Re;
arrivanu li donni a disirtari;
lu cannolu è la virga di Moisè;
cu nun ni mancia, si fazza ammazzari,
cu li disprezza è un gran curnutu affè!

VERSI POPOLARI

MARITARI
Giuvani ca vi aviti a maritari,
viniti ccà nni mia, ca vi cunsigghiu.
Nun vi faciti di donni 'ngannari,
comu 'ngannaru a mia poviru figghiu.
Cui mi prumisi robba e cui dinari,
cui mi prumisi la casa e lu stigghiu,
la prima sira ca m'avia a curcari
sì braci nun avìa, muria di friddu.

Pitrè

VERSI POPOLARI

LA LUNTANANZA
La luntananza 'un abbannuna amuri.
chiuttostu metti vampa 'ntra lu cori,
ju cuntu l'anni, li mumenti e l'uri,
jettu un suspiru e penzu a ddi paroli;
amuri mi turmenta tutti l'uri,
mi l'arrubbasti tu s'afflittu cori:
cu' fu chi t'assulviu? lu cunfissuri?
Nun si lassa l'amanti si 'un si mori!

L.Vigo Raccolta Amplissima

I PONTI di Armando Carruba

(SIRACUSA - ponte umbertino)
I PONTI
E ristasti 'mpicatu
a taliari 'a luna
farisi bedda 'nto mari.
E ristasti cchè vuci
ca parravunu o' cori
'nto celu d'Ortigia.
E ristasti accussì
comu un carusu
ascutannu 'u ventu.
E ristasti mutu
a taliari dda' navi
attraccari o' molu.
E ristasti a sunnari
ppi li to' figghi
'na vita d'amuri.
E ristasti picciriddu
appujatu o' curniciuni
di la to' carusanza.
E ristasti dda'...
'e ponti do' rettifilu.

Armando Carruba

MANGIAR SICILIANO


ACCIUGHE ACETO E PEPERONCINO

Ingredienti - acciughe, aceto di vino, aglio, prezzemolo, peperoncino, mollica, olio d'oliva.

Preparazione - pulite le acciughe eliminando testa e lisca e lavatele con cura anche con l'aceto. Tritate laglio, unitevi il prezzemolo, tritato anch'esso, il peperoncino e la mollica inumidita con l'aceto. Aggiungete l'olio e disponete il composto sulle acciughe. Mettete in frigorifero per un giorno e servite.


per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

venerdì 10 aprile 2009

VIA DULURUSA

Via Crucis al Dopolavoro ERG 20 marzo 2008. Maria (Imma Messana) sotto la croce (Francesco Garofalo) foto di Gino Cataudo. Maria passava ppi 'na strata nova
la porta d'un firraru aperta era
- Oh caru mastru cchi fai a st'ura?
- fazzu 'na lancia ccu tri pungenti chiova
- Oh caru mastru nun li fari a st'ura
di novu ti la paju 'a maestrìa
- Oh cara donna nun lu pozzu fari
ca unni c'è Gesù ci mettunu a mia!
- Oh caru mastru mi lu vo' 'nzignari
unn'è l'amatu figghiu di Maria?
- Oh cara donna, si lu vo' truvari
lu stissu sangu t'inzigna la via.
(POPOLARE)


per contattarci - anteaspoesie@yahoo.it

PROCESSO A GESU' - LA NUOVA SCENA

Le immagini si riferiscono ad una edizione della Via Crucis della NUOVA SCENA di qualche anno fa. Cliccare sull' immagine per ingrandirla.